• Kulturverein Rus’
    Associazione culturale Rus’
    Культурная ассоциация Русь

Giornata Internazionale dei musei 2020

giornata_internazionale_musei_2020

L’associazione Rus’ ha partecipato alla Giornata Internazionale dei Musei, tenutasi lo scorso 17 maggio, realizzando una breve vista virtuale al complesso della Casa Russa e della chiesa russo-ortodossa di San Nicola Taumaturgo di Merano, dove sono conservate, tra i tanti oggetti della Raccolta intitolata alla benefattrice Nadežda Ivanovna Borodina, anche le immagini di un santo molto attuale in questi tempi in cui la salute è minacciata.

Nella chiesa, su uno dei kliroi - le pareti in legno anteposte all’iconostasi che nascondono i cantori - si nota infatti un giovane santo ritratto a figura intera che regge con una mano una cassettina di medicinali e con l’altra un cucchiaio dorato. Il suo busto è ripetuto nel tondo sovrastante e, guardandosi intorno, lo si noterà anche tra le piccole icone quadrate appese alla parete.
Panteleimon, colui che cura tutti i mali, ovvero Pantaleone di Nicomedia, patrono dei medici assieme a Cosma e Damiano.
Con la sua ripetuta presenza San Panteleimon ci ricorda quanto fosse importante la presenza di un santo guaritore e protettore dei malati per gli ospiti dell’attigua Casa russa meranese, che qui giungevano a metà settembre per sfuggire i rigori dell’inverno russo e si trattenevano fino a primavera inoltrata, spesso cercando nel clima più dolce una cura ai mali che li affiggevano, in particolare la tisi, una vera pandemia negli anni a cavallo tra Otto e Novecento in cui la Casa russa fu attiva.

Per chi fosse interessato, il filmato è visibile sulla nostra pagina Facebook.

 

LAST NEWS

Giornata Internazionale dei Musei 2021

Giornata Internazionale dei Musei 2021

Da Merano a San Pietroburgo. I musei russi tra pandemia e nuove proposte. Un filmato per la Giornata Internazionale dei Musei 2021

Leggi tutto...

 Bianca Marabini Zoeggeler, Michail Talalay -  Il Tirolo dei Russi

Bianca Marabini Zoeggeler, Michail Talalay - Il Tirolo dei Russi

Sono stati pubblicati, in lingua russa, i risultati di molti anni di ricerca meticolosa nei rapporti storici e culturali tra la Russia e il Tirolo, in particolare il Sudtirolo, entrato a far parte dell'Italia dopo la Prima guerra mondiale.

Leggi tutto...

L’Associazione culturale Rus’ compie 30 anni!

L’Associazione culturale Rus’ compie 30 anni!

28 febbraio 1991: un piccolo gruppo di amici si riunisce a Bolzano. Li accumuna una volontà, quella di far conoscere in Alto Adige la cultura russa e slava e portare ai russi testimonianze della cultura altoatesina, e una missione, salvaguardare l’eredità spirituale della Fondazione Borodine, nata a Merano alla fine dell’Ottocento grazie al lascito di una ricca signora moscovita, Nadežda Ivanovna Borodina, di cui da fondazione porta il nome, scritto secondo l’uso del tempo alla francese. Come presidente viene scelta Bianca Marabini Zoeggeler, russa per parte di madre, che ha guidato l’Associazione culturale Rus’ attraverso tutti questi anni. Il nome non è scelto a caso: Rus’ era chiamata l’antica terra slava.
L’Associazione culturale Rus’ compie 30 anni!

Leggi tutto...

In ricordo di Maja Fersen

In ricordo di Maja Fersen

Il 29 gennaio si è spenta a Roma Maria (Maja) Aleksandrovna Fersen. È stata sepolta nel cimitero del Testaccio a Roma dove riposa anche suo padre.

L’Associazione culturale Rus’ ha voluto ricordarla con un articolo, “Storia alle spalle – Esuli russi in Sudtirolo”, scritto nel lontano 1986, anno in cui avevo raccolto personalmente i suoi ricordi. L’avevo conosciuta allora quando mi ero occupata della colonia di esuli russi che vivevano a Siusi.

Leggi tutto...

B. Marabini Zoeggeler - Nadežda Ivanovna Borodina. Il ritratto ritrovato

B. Marabini Zoeggeler - Nadežda Ivanovna Borodina. Il ritratto ritrovato

Nadežda Ivanovna Borodina (Mosca, 1857 – Nizza, 1889) nel corso di quasi un secolo e mezzo di storia non era stato altro che un nome, privo di una biografia, che era passato da un ente meranese all’altro – Casa Borodine, Fondo Borodine (alla francese), Centro Borodina. Nel libro vengono svelate poco a poco informazioni su di lei.

Leggi tutto...

“Divina immagine del grande ideale”. Dostoevskij, Raffaello e i russi

“Divina immagine del grande ideale”. Dostoevskij, Raffaello e i russi

Nel 2021 ricorre il bicentenario della nascita di uno dei maggiori scrittori russi, Fëdor Michajlovič Dostoevskij, che vide la luce a Mosca l’11 novembre 1821 (il 30 ottobre secondo il calendario giuliano allora in vigore in Russia). Il fatto che l’anno appena terminato sia stato contrassegnato, soprattutto in Italia, da una ricca serie di eventi celebrativi del cinquecentenario dalla scomparsa di Raffaello Sanzio ci dà l’occasione di ricordare il grande amore di Dostoevskij in particolare e dei russi in generale, per l’opera del “divin pittore” di Urbino.

Leggi tutto...

ARCHIVIO

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti. Navigando se ne accetta l'utilizzo.
Per saperne di più consulta la cookie policy.