• Kulturverein Rus’
    Associazione culturale Rus’
    Культурная ассоциация Русь

Tradotto in italiano “L’emigrante” per i 150 anni dalla nascita di Ljubov’ Dostoevskaja

ljubov_dostoevskaja

In occasione dei 150 anni dalla nascita di Ljubov’ Fëdorovna Dostoevskaja, la figlia del grande autore russo Fëdor Michajlovič Dostoevskij, nata il 26 settembre 1869 e lei stessa scrittrice, l’Associazione culturale Rus’ ha pubblicato la prima traduzione in italiano, con testo originale russo a fronte, del suo romanzo L’emigrante (Èmigrantka, San Pietroburgo, 1912).

La Dostoevskaja trascorse gli ultimi mesi della sua esistenza a Bolzano, presso il Grieserhof, dove si spense nel 1926, e riposa nel cimitero di Oltrisarco.

L’iniziativa è l’ultima di una lunga serie di studi e esposizioni dedicate alla figura della Dostoevskaja, che l’Associazione Rus’ ha avviato nel 1999.

Se è per lo più ricordata per il libro dedicato alla figura del padre, Dostoevskij nei ricordi di sua figlia, Ljubov’ Fedorovna Dostoevskaja fu anche autrice di due romanzi, L’emigrante appunto e L’Avvocata e di una raccolta di racconti, Fanciulle malate, tutti accumunati dall’eloquente sottotitolo “Tipi moderni”. Il romanzo che si presenta, di ambientazione prevalentemente italiana, mette in luce quello che fu il tratto distintivo della sua scrittura, la capacità di fermare sulla pagina suggestivi ritratti di persone e situazioni, fossero i ben frequentati salotti romani, i quartieri popolari, la pittoresca natura umbra o l’elegante riviera francese.

La traduzione in italiano è curata da Marina Mascher, vicepresidente dell’Associazione culturale Rus’ ed è accompagnata da contributi di Bianca Marabini Zoeggeler (presidente Associazione culturale Rus’), Natal’ja Ašimbaeva (Direttrice del Museo letterario e commemorativo F.M. Dostoevskij di San Pietroburgo), Marina Mascher, Michail Talalay (Rappresentante in Italia dell'Istituto di storia generale dell'Accademia russa delle scienze), che ha curato la redazione del testo russo e Giulia Baselica (ricercatore presso l’Università degli Studi di Torino).

Il romanzo, che la Dostoevskaja scrisse durante un suo soggiorno romano nell’inverno 1911/12, è stato presentato al pubblico nell’ambito della mostra “Ljubov’ Fëdorovna Dostoevskaja, scrittrice” che ne ha presentato la vita e la produzione letteraria, tenutasi dal 26 settembre al 5 ottobre 2019 presso l’Espace La Stanza in via Orazio 34/A a Bolzano e organizzata in collaborazione con il Circolo Culturale La Stanza. Le immagini esposte sono state gentilmente messe a disposizione dal Museo letterario e commemorativo F.M. Dostoevskij di San Pietroburgo e dal Museo Napoleonico di Roma.

Il libro e la mostra sono realizzati con il sostegno della Provincia Autonoma di Bolzano e della Regione Autonoma Trentino Alto Adige.

Chi fosse interessato al libro può richiederlo direttamente all’Associazione Culturale Rus’.

 

LAST NEWS

 Presentazione libro

Presentazione libro

L’associazione culturale Rus’ ha il piacere di invitarvi alla presentazione del libro di  Bianca Marabini Zoeggeler "Nadežda Ivanovna Borodina. Il ritratto ritrovato" 

Giovedì 17.06.2021 ore 18.00  Parco della Villa Borodina, Via Schaffer 23, Merano

 

Leggi tutto...

Giornata Internazionale dei Musei 2021

Giornata Internazionale dei Musei 2021

Da Merano a San Pietroburgo. I musei russi tra pandemia e nuove proposte. Un filmato per la Giornata Internazionale dei Musei 2021

Leggi tutto...

 Bianca Marabini Zoeggeler, Michail Talalay -  Il Tirolo dei Russi

Bianca Marabini Zoeggeler, Michail Talalay - Il Tirolo dei Russi

Sono stati pubblicati, in lingua russa, i risultati di molti anni di ricerca meticolosa nei rapporti storici e culturali tra la Russia e il Tirolo, in particolare il Sudtirolo, entrato a far parte dell'Italia dopo la Prima guerra mondiale.

Leggi tutto...

L’Associazione culturale Rus’ compie 30 anni!

L’Associazione culturale Rus’ compie 30 anni!

28 febbraio 1991: un piccolo gruppo di amici si riunisce a Bolzano. Li accumuna una volontà, quella di far conoscere in Alto Adige la cultura russa e slava e portare ai russi testimonianze della cultura altoatesina, e una missione, salvaguardare l’eredità spirituale della Fondazione Borodine, nata a Merano alla fine dell’Ottocento grazie al lascito di una ricca signora moscovita, Nadežda Ivanovna Borodina, di cui da fondazione porta il nome, scritto secondo l’uso del tempo alla francese. Come presidente viene scelta Bianca Marabini Zoeggeler, russa per parte di madre, che ha guidato l’Associazione culturale Rus’ attraverso tutti questi anni. Il nome non è scelto a caso: Rus’ era chiamata l’antica terra slava.
L’Associazione culturale Rus’ compie 30 anni!

Leggi tutto...

In ricordo di Maja Fersen

In ricordo di Maja Fersen

Il 29 gennaio si è spenta a Roma Maria (Maja) Aleksandrovna Fersen. È stata sepolta nel cimitero del Testaccio a Roma dove riposa anche suo padre.

L’Associazione culturale Rus’ ha voluto ricordarla con un articolo, “Storia alle spalle – Esuli russi in Sudtirolo”, scritto nel lontano 1986, anno in cui avevo raccolto personalmente i suoi ricordi. L’avevo conosciuta allora quando mi ero occupata della colonia di esuli russi che vivevano a Siusi.

Leggi tutto...

B. Marabini Zoeggeler - Nadežda Ivanovna Borodina. Il ritratto ritrovato

B. Marabini Zoeggeler - Nadežda Ivanovna Borodina. Il ritratto ritrovato

Nadežda Ivanovna Borodina (Mosca, 1857 – Nizza, 1889) nel corso di quasi un secolo e mezzo di storia non era stato altro che un nome, privo di una biografia, che era passato da un ente meranese all’altro – Casa Borodine, Fondo Borodine (alla francese), Centro Borodina. Nel libro vengono svelate poco a poco informazioni su di lei.

Leggi tutto...

ARCHIVIO

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti. Navigando se ne accetta l'utilizzo.
Per saperne di più consulta la cookie policy.